Il Teatro Momo

 

L'ingresso del teatro

Un nuovo spazio per la città




Il nuovo Teatro Momo di via Dante a Mestre ha degnamente sostituito il Teatro del Parco (chiuso per ristrutturazione) e l'Assessorato alle Attività e Produzioni Culturali ha individuato in questo spazio, sorto nel complesso dell'ex Gil, la sede ideale per il proseguimento delle attività storiche del teatro del Parco.



La scheda tecnica


Restituito alla città restaurato ex novo, è stato ufficialmente denominato Teatro Momo in ricordo di un grande del teatro veneziano, il regista e attore Arnaldo Momo.


Il teatro, con i suoi 220 posti divisi fra platea e galleria ospita rassegne annuali di teatro contemporaneo e teatro per ragazzi, spettacoli di danza, musica e laboratori teatrali. In particolare, Domenica a teatro dedicata ai giovanissimi, Piccoli Palcoscenici concorso/vetrina per studi di laboratorio per scuole e gruppi amatoriali e la rassegna di teatro amatoriale Divertiamoci a teatro.


La sala

L'offerta culturale del nuovo teatro che si distingue come luogo di elaborazione di nuovi linguaggi teatrali e nuove sperimentazioni, si completa con l'attività delle produzioni teatrali e dei laboratori e con le concessioni a terzi per spettacoli e convegni di vario genere.


Il Teatro Momo si caratterizza inoltre per essere uno spazio trasversale anche dal punto di vista "geografico": la posizione strategica in terraferma - data la vicinanza alla stazione di Mestre - lo rende un luogo facilmente raggiungibile da Venezia e non solo.


Arnaldo Momo (Venezia 1916 - 2008)

 

Arnaldo Momo

Inizia la sua attività artistica nell’immediato dopoguerra, nell’ambito del Centro artistico e culturale l’ARCO.

Con la moglie Sara, attrice, fonda nel 1947 il Piccolo Teatro Veneziano (ora Teatro 7) e con lei condivide una carriera durata sessanta anni, fatta di impegno civile ed artistico.

Gli interessi del gruppo sono rivolti alla riscoperta di testi classici, con particolare riguardo al repertorio veneto, e alla messa in scena di spettacoli di avanguardia, nella direzione del teatro di ricerca. Alcune delle loro più importanti produzioni riguardano testi di autori veneziani quali Carlo Goldoni, Carlo Gozzi, Giacinto Gallina e l’anonimo autore de La Venexiana, drammaturghi classici come Sofocle, autori europei come Fernando de Rojas, Denis Fonvizin Ivanovic, Molière, Wolfgang Goethe, ma anche i testi dell’avanguardia internazionale da Stanislaw Witkiewicz e Jonesco, rappresentati per la prima volta in Italia, a Beckett, Schisgall, Peter Weiss, oltre alle commedie scritte da Arnaldo Momo stesso.

Accanto alla produzione teatrale il Teatro 7 svolge una continua attività di letture drammatiche e di conferenze su teatro e poesia, di scuola di teatro, di lezioni nelle scuole, di conferenze.

 

Autore di importanti libri quali Goldoni e i militari, La carriera delle maschere, La crisi del modello Rinascimentale, Brecht, Artaud e le avanguardie teatrali e numerosissimi saggi, Arnaldo Momo, porta un contributo originale agli studi teatrali con la sua capacità di leggere momenti importanti della storia del teatro alla luce della pratica del regista.

È stato professore all’Accademia di Belle Arti di Venezia e presidente della Casa di Goldoni. Si è divertito, inoltre, a recitare in alcuni film di successo.

 


| | Altro