Paolini Villani, la “Compagnia veneziana delle Indie”

Mestre Centro Culturale Candiani
da Sabato 6 Maggio 2017 a Domenica 25 Giugno 2017
 

Manifesto
Manifesto

100 anni  di lavorazione delle droghe, delle spezie e dei coloniali tra Venezia,  Mestre e Porto Marghera
 

 

Informazioni

Orario: dal mercoledì alla domenica dalle ore 16.00 alle 20.00, aperture straordinarie: 12, 18, 25 maggio fino alle 20.30.

Area espositiva terzo piano
Ingresso libero

 

 

“Paolini Villani, la Compagnia veneziana delle Indie.100 anni di lavorazione delle droghe, delle spezie e dei coloniali tra Venezia,  Mestre e Porto Marghera” è il titolo della mostra che sarà inaugurata venerdì 5 maggio alle ore 18 al Centro Culturale Candiani (nell'area espositiva del terzo piano) e che, all'interno delle celebrazioni del centenario di Porto Marghera, ripercorre la storia di una delle più importanti realtà produttive della città.

Per oltre per mezzo secolo la Paoloni Villani & C. è stata infatti concessionaria in esclusiva del tè Lipton in Italia, ma anche altri suoi marchi - come l’Ovocrema, l’insetticida “Sterminio”, la Droga combinata Paolini per la lavorazione delle carni e per insaporire i cibi, come pure il lievito, le spezie regionali, le gelatine, i preparati per brodo, il cioccolato Fast, per non dimenticare il “Budino dei Dogi”  - erano ben noti in passato.

Con l'archivio personale di Massimo Orlandini e quello familiare e aziendale di Alvise Zoppolato, ultimo rappresentante della società che fu costituita a Venezia nel 1892 e che chiuse 25 anni fa a Porto Marghera, è stato possibile ricostruire, dopo una ricerca durata tre anni, la storia dell’azienda fin dalla fondazione.

La mostra, a ingresso gratuito, che resterà aperta fino a domenica 25 giugno, dal mercoledì alla domenica dalle ore 16 alle 20 (aperture straordinarie: i giorni 12, 18, 25 maggio fino alle 20.30) esporrà materiali originali e inediti, tra i quali documenti rari, pubblicità, ricettari, listini, marchi, etichette, brevetti, azioni, il libro matricola, il packaging, le foto e i filmati con le macchine in funzione, fino alla pubblicità cinematografica e televisiva (Tic-Tac, Break, Cinemondo), salvati e digitalizzati. Il visitatore avrà la sensazione di vivere l’azienda come se ci capitasse dentro, ancora in attività, tanto da poterne osservare l’ufficio dell’amministratore, ricomposto con i mobili d’epoca, e alcuni strumenti come il dittafono e l’orologio marca-tempo, assieme ad alcuni attrezzi di lavorazione.  Una sezione della mostra comprenderà anche materiali inediti della Lipton.

Accanto all'esposizione, si terrà anche una serie di incontri: venerdì 12 maggio alle ore 17.30 la presentazione dell'omonimo libro (Il Poligrafo di Padova, 2017) di  Giorgio Roverato, Massimo Orlandini, Silvana Alessandrini e Alvise Zoppolato; giovedì 18 e 25 maggio, sempre alla stessa ora, due appuntamenti di approfondimento e visita guidata della mostra; infine, mercoledì 7 e 14 giugno la proiezione dei film “La pista degli elefanti” di William Dieterle (Elephant Walk, USA, 1954, 99') e “La casa da tè alla luna d'agosto” di Daniel Mann (The Teahouse of the August Moon, USA, 1956, 122').


| | Altro
Eventi realizzati in: Centro Culturale Candiani