Il Teatro del Parco

 

Teatro del Parco, interno
Teatro del Parco, interno
Evoluzione di un teatro

Il Teatro del Parco (ora in fase di restauro e sostituito dal Teatro Momo che ne ospita le tradizionali rassegne annuali) apre circa 14 anni fa quando, per volontà dell’Amministrazione Comunale, da sala multifunzionale a dimensione di quartiere viene affidato all’Assessorato alla Cultura per trasformarlo in teatro a tutti gli effetti.

Questo spazio con 280 posti di capienza, posto al centro di una zona nella quale sono situati i principali istituti superiori della città, per le sue caratteristiche poteva promuovere ed esprimere nuove esigenze culturali e di spettacolo.

Molto il nuovo lavoro da fare: verificare la capacità di ricezione di proposte culturali diverse ed alternative, sollevare curiosità ed interesse intorno per queste nuove iniziative e quindi catturare un pubblico che “forse” c’era già o crearne uno ex novo, attento e sensibile a linguaggi scenici e drammaturgie innovative.

Accanto a ciò, c’erano i giovani alla cui richiesta di spazi d’espressione e creatività era doveroso ed allo stesso tempo stimolante dare risposte adeguate e culturalmente significative.

Con queste linee e con questi presupposti il teatro ha, nei suoi 14 anni di vita, impostato la sua attività, sono state così inaugurate iniziative come Domenica a Teatro che, per la prima volta in città, proponeva una vera e propria rassegna di teatro per i giovanissimi, con compagnie di professionisti di livello nazionale.

Teatro del Parco, esterno
Teatro del Parco, esterno
La necessità di aprire uno spazio al teatro contemporaneo fa nascere Fuori Contesto, rassegna/progetto di teatro contemporaneo e di ricerca, che a distanza di dodici anni continua ad essere riferimento stabile, vitale e produttivo per la ricerca teatrale nel Veneto e non solo. Per la dovuta attenzione ai giovani e con intento divulgativo nei loro confronti, alcune delle opere presenti nella rassegna vengono poi proposte in matinèes esclusivamente ad un pubblico di studenti.

Per avvicinare i giovani ai linguaggi del teatro, e contemporaneamente immettere nuovi input nel mondo della produzione teatrale, viene svolta da diversi anni, un’attività di formazione sulle drammaturgie innovative. Piccoli Palcoscenici concorso/vetrina per studi di laboratorio, valorizza l’attività di formazione dei professionisti di teatro e contestualmente dà risalto e visibilità alla loro ricerca laboratoriale.

L’offerta culturale si completa con l’attività delle produzioni teatrali e dei laboratori, con la rassegna di teatro amatoriale e le concessioni a terzi per spettacoli e convegni di vario genere.


| | Altro